sabato 7 marzo 2015

Halwa in Libertà





L'halwa è un dolce tipico diffuso a partire dai paesi del Medioriente fino a giungere all'India.
E' un dolce speziato a base di semolino oppure farina di ceci finissima molto saporito e profumato.
Il suo aspetto ed il suo sapore varia a seconda del paese ma anche della ricetta, in quanto soltanto in India ce ne sono almeno 4 o 5 varianti fatte con spezie ed ingredienti totalmente diversi fra loro, ed ognuna di queste ha il suo nome specifico.
Alcune ricette sono cremose altre compatte, ma l'impasto è in ogni caso morbido al tatto.
La sua caratteristica è che è velocissimo e si cuoce in una bella pentola alta sui fornelli di cucina.
La ricetta originale da cui mi sono liberamente ispirata è a base di burro ghee, latte vaccino e zucchero bianco, ed è il Laddu halwa.
La mia è una versione rivisitata in chiave meno dolce e più leggera, e vegana.


Occorrono :

250 gr farina di ceci fine
250 gr malto di grano (o miele)
125 gr olio di mais biologico
50 gr cocco rapè (farina di cocco)
50 gr nocciole tostate e tritate finemente
50 gr mandorle tostate e tritate finemente
1 pizzico di sale
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
!/2 cucchiaino di coriandolo trito
1 cucchiaino di vaniglia
1 cucchiaino di limone la scorza grattugiata
1 cucchiaino di arancia la scorza grattugiata
20 bacche di cardamomo da cui estrarre i semini interni da pestare in un mortaio
zucchero integrale a velo qb


In una padella dal fondo spesso cominciamo a tostare la farina di ceci a fuoco basso, è un procedimento delicato perchè bisogna mescolare continuamente affinchè non bruci, cosa che se ci si distrae un attimo accade in un nanosecondo. 
La tostatura è terminata appena si sente un buon odore che ricorda le noccioline sprigionarsi dalla farina di ceci.
A questo punto travasare la farina di ceci in una pentola di acciaio e unire tutti gli ingredienti tranne lo zucchero integrale a velo.
Rimettere sul fuoco al minimo e mescolare l'impasto finchè si staccherà dai bordi della pentola compattandosi tipo una pasta frolla.
Stendere l'impasto in una teglia rettangolare o quadrata di uno spessore di circa 2 o 3 cm, livellarlo bene e riporre in frigo a raffreddare per almeno 2 ore.
Una volta raffreddato il dolce si sarà rassodato al punto giusto da poterlo così tagliare a quadratini o rombi.
Ogni pezzettino poi verrà rigirato più volte nello zucchero integrale a velo, facoltativo spolverizzare con un pò di cocco rapè come in foto.
L'ideale è servito con un bel tè speziato allo zenzero.






Buona goduria

Ila